PALAZZO MEROLLI – SANTA TERESA D’AVILA – GALLERIA D’ARTE CONTEMPORANEA MAM’S (Mondo Marche Arte Salvi)


La storia

In Piazza Gramsci troviamo Palazzo Merolli, edificio di età tardo-rinascimentale sorto su preesistenze medievali, che deve il suo nome a colui che lo costruì agli inizi del Seicento, Vittorio Merolli, medico privato di Papa Paolo V ed illuminato mecenate. Inizialmente residenza della famiglia Merolli, l’archiatra si impegnò per ospitare ordini religiosi; a metà del 1600 arrivarono i Carmelitani Scalzi (da qui il nome maggiormente usato per identificare l’edificio “Palazzo degli Scalzi”) e per loro fu fatta costruire la Chiesa, in stile barocco, dedicata a Santa Teresa d’Avila detta anche “degli Scalzi”. L’ordine fu soppresso nel 1810 e così l’edificio tornò ad essere residenza di famiglie aristocratiche. Oggi il palazzo ospita il MAM’S (Mondo Arte Marche Salvi) – Galleria d’Arte Contemporanea.
Il MAM’S è stato inaugurato nell’aprile del 2014 e raccoglie più di seicento delle circa quattromila opere di proprietà del Comune di Sassoferrato acquisite nel corso delle varie edizioni della Rassegna Internazionale d’Arte/Premio “G.B. Salvi” nata nel 1951. Il museo è nato per l’esigenza di conservare e allo stesso tempo rendere fruibili le opere al pubblico. Le pareti espositive, ricoperte da opere come le antiche quadrerie, sono divise per temi illustrati anche da didascalie di artisti del Novecento mentre altri quadri, divisi per periodo, sono visibili nel deposito dietro le suddette pareti.